Cerca nel blog

lunedì 4 novembre 2013

24. INAUGURAZIONE DI UN BUSTO BRONZEO DEL SERVO DI DIO PADRE FRANCESCO CARUSO A GASPERINA - 3 novembre 2013

Il busto dedicato al Servo di Dio P. Caruso

Il parroco di Gasperina  Don Carmelo Fossella saluta le autorità e illustra la vita di P. Caruso


P. Caruso è vissuto 2 anni ed è morto nella casa con le coperte alle finestre


Padre Pasquale Pitari illustra l'iter della Causa di beatificazione di Padre Caruso


L'Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone  (con accanto Don Innocenzo Lombardo) illustra il significato della celebrazione


   
Cliccare sopra per ascoltare le parole dell'Arcivescovo


Eccellenza Reverendissima,
la comunità di Gasperina vede nella Sua odierna presenza un segno forte di quanto la Chiesa cattolica sia attenta all'opera evangelizzatrice di don Caruso.
Gasperina, come Lei ben potrà immaginare, ha sempre coniugato la propria vita sociale con le fondamenta religiose del cattolicesimo. In alcuni tratti storici non si comprende dove si interrompa la vita religiosa di questo paese per dare inizio alle altre sfaccettature che una comunità vive; è un continuo che ha permesso di avere identità serie e durature.
Don Caruso, pertanto, si forma in questo contesto.
Oggi, la sua opera viene a rappresentare un riferimento sicuro in un mondo che, correndo verso una forte secolarizzazione, con confusione ha saputo sostituire alcune nobili categorie valoriali con altre di ordine pratico di fattura decisamente minore. Papa Francesco nella sua ultima intervista a "La Civiltà cattolica" ha parlato della sua visione della Chiesa "come un ospedale da campo dopo la battaglia"; ma è la società intera piena di feriti proprio perché tutti abbiamo abbandonato approdi sicuri. Questa è la battaglia che la contemporaneità ha perso. Siamo tutti feriti senza distinzione di credo religioso o politico.
La testimonianza di don Caruso fa riemergere dalla confusione concetti come giusto, bello, buono, vero, sacro che, dinanzi all'odierno pensiero dell'utile, appaiono non più il fine primario, ma, nella migliore delle ipotesi, un'appendice dignitosa, poco stimati, giudicati un prodotto intellettuale ozioso e antiquato.
Eccellenza Reverendissima, la ringrazio ancora una volta, a nome del Consiglio Comunale e dell'intera Comunità gasperinese per questa Sua preziosa presenza, nella speranza che l'opera di don Caruso possa aiutarci meglio a mettere in moto quel "discernimento", tanto caro a papa Francesco e tanto utile a tutti noi per poter guarire dalle nostre ferite.

La nipote di P. Caruso Franceschina svela il busto bronzeo

I famigliari di Padre Caruso che lo hanno assistito fino alla morte


Benedizione del busto

Per Gasperina è stato un giorno memorabile il tributo al loro grande concittadino



sabato 13 ottobre 2012

23. CONCLUSIONE DELL'INCHIESTA DIOCESANA - Cattedrale di Catanzaro 12.10.2012




L'Omelia dell'Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone


 
 FOTO

 
L'assemblea


Padre Pasquale Pitari illustra il lavoro del Tribunale Ecclesiastico 


Il Cancelliere arcivescovile Don Giovanni Scarpino legge il Decreto di chiusura dell'Inchiesta diocesana


Il postulatore Don Roberto Corapi e (a destra) le reliquie di Padre Francesco Caruso

L'arcivescovo Vincenzo Bertolone


 Il giudice delegato Mons. Raffaele Facciolo


 Il promotore di giustizia Padre Pasquale Pitari


 Il notaio Don Marcello Froiio


 La causa (circa 2000pagine)

martedì 22 maggio 2012

22. RICORDO DI PADRE CARUSO


di Don Andrea Perrelli 
Padre Caruso è il primo canonico a sinistra                                                                                         
Dopo l'apertura della cattedrale, frequentandola quotidianamente e servendo messa ad alcuni canonici e in particolare a Don Paolo Aiello penitenziere e mio precettore nelle materie letterarie, ho appreso quanto segue riguardo la figura del canonico Caruso o Padre Caruso come veniva familiarmente chiamato in città.
Ha arricchito la sua vita con il dono di una fede semplice e autentica, dove la fiamma della fede e dell'amore misericordioso del Signore diventava per lui autentica testimonianza, che si irradiava dall'altare al confessionale. Affermava Don Paolo che era edificante vederlo pregare, raccolto ai piedi del tabernacolo, con il capo chino, le braccia incrociate, il breviario vicino, con un sorriso sereno che dava piena conferma di un colloquio intimo con il “suo Gesù”, dove i suoi occhi penetranti e dolci, ma soprattutto rassicuranti, scrutavano i cuori e i meandri della coscienza. Deciso affermava Mons. Fragola, decano del capitolo, chiaro, netto nell'esprimere i suoi pareri, ma si capiva che era la verità a guidarlo. Una carità, affermava Mons. Fragola, umile, nascosta, che non offendeva mai nessuno. Visitava i bassi delle “rughe”(quartieri) della città portando conforto e viveri. Dolce, sereno, pacato e amorevole, era dispensatore del perdono a quanti si rivolgevano a lui per avere la pace del cuore, quando l'anima non funzionava bene, affrontando sempre, come ripeteva Don Paolo, “temi morali con alto senso di responsabilità, coerenza e tale consapevolezza ha innervato la sua vita sacerdotale”.
Il canonico Aiello ripeteva che ogni qualvolta Don Caruso guardava la bella statua del Sacro Cuore venerata in cattedrale, i suoi occhi brillavano e salmodiava “Gesù ti amo!”. Al vedere così, diceva Don Paolo, in quelle mura risuonava leggera la voce di Dio. Un angolo tutto suo, dove non entrava nessuno. “Ascoltare, parlare, confortare”, diceva Don Paolo, “è stata l'equazione algebrica che padre Caruso ha saputo bene sviluppare nei suoi appuntamenti con Dio e con i penitenti”. “Vado dinanzi al tabernacolo e parlo a Gesù” e Gesù, diceva Don Paolo, gli rispondeva sempre.
La signorina Assunta La Cava, nipote diretta del vicario generale Canonico Salvatore La Cava, ai tempi di Monsignor Fiorentini, affermava che padre Caruso aveva una grande confidenza nella provvidenza; sempre calmo, pronto a risolvere i problemi dei poveri e amava ripetere alle signore e signorine dell’Opera dei tabernacoli per le chiese povere: “Con l'umiltà si conquista il cielo”, diceva San Vincenzo e la signorina La Cava affermava che nel cuore di padre Caruso c'era un “pezzetto di paradiso, che custodiva gelosamente”.
“La carità - è sempre la La Cava a parlare di padre Caruso - era infinita, soprattutto verso gli orfani, e diceva il P. Caruso che era la sua compagna di viaggio nei tuguri della città che lo precedeva, sorreggendolo con la mano”.
Il parroco della Stella Don Alberto Mancini, mio amico, vicino di casa, poeta e studioso in campo letterario, affermava che padre Caruso aveva tanta luce e dolcezza nello sguardo che conquistava chi l'avvicinava. Affermava che aveva ricevuto grandi grazie dal Signore e mai, neanche con i suoi più vicini, ha lasciato trasparire le grandi grazie che aveva ricevuto dal Signore. Silenzio, sempre completo. Quando Don Mancini gli declamava la poesia “Dio” di Aleardo Aleardi, si commuoveva fino alle lacrime e, secondo Don Mancini, non tradì mai il più bel segreto della sua vita: i colloqui con Gesù, le locuzioni interiori che hanno infiammato sempre il suo cuore e abbagliavano i suoi occhi. Affermava ancora il Mancini: “In tutto il suo portamento fuoriuscivano tante virtù che sembravano stelle in cielo, vivendo “per Gesù e per Gesù solo”, come amava ripetere P. Caruso.
Monsignor Salvatore Durante, canonico e rettore della Basilica dell'Immacolata, lo definiva di carattere dolce, sempre cordiale, sereno. Ebbe grandi meriti verso i poveri, infermi, pronto a confortarli nelle loro malattie e nell'amministrare i sacramenti. Le sue virtù erano singolari e derivavano dalla sua fede. Nel confessionale era capace di attirare a Gesù anche le anime più lontane, curando le miserie dell'anima, e veniva definito il “confessore della città”. L'amore a Gesù e a Maria ha guidato tutta la sua vita. Il canonico Aiello che ha celebrato per moltissimi anni la Santa Messa vespertina e quella domenicale alle ore 12:00 in basilica, quando parlava insieme al canonico Durante il Don Caruso, il loro comune pensiero era che: P. Caruso con la sua vita è stato un dono a Gesù e da Gesù ai fratelli, nell’umiltà, nel nascondimento, durante gli orrori della guerra, con un cuore disinteressato e puro.
La marchesa Rachele La Pinna in Sandoz, abitante nel mio palazzo, morta ultranovantenne da pochi anni, quando il primo venerdì del mese le portavo la Santa Comunione, parlava spesso di padre Caruso. Quando era educanda dell’Educandato di via Tripoli, diceva che era colpita dalla sua dolcezza, dal tono pio con il quale recitava la “Salve Regina”, ai piedi della Madonna e c'era qualche cosa nei suoi occhi, come se vedesse la “dolce Signora del cielo” come la chiamava. Inculcava alle educande la recita del Rosario, il portare la medaglia miracolosa, consigliando le educande a recitare le giaculatorie e aggiungere “ Suor Labouré, Suor Labouré, Suor Labouré, intercedete per me presso la Santa Vergine”. Mi ha dato tanti consigli illuminanti e mi è stato vicino in alcune situazioni tristi e delicate della mia vita e i suoi discorsi finivano quasi sempre con il nome di Maria e la sua voce tenue e silenziosa non si esauriva mai di affidarci alla Madonna e di sentirsi benedetti e amati da lei, ripetendoci: “Pregate la Madonna, pregate sotto il suo manto, sotto il suo manto”. Le suore della carità della Stella, suor Teresa, suor Angela, suor Onorina, morta centenaria, quando mi recavo all'orfanotrofio, parlavano spesso di Don Caruso, affermando che l'arcivescovo Fiorentini lo teneva in gran conto per il suo illuminato consiglio e la prudenza, unita ad una carità nella verità, nel saper affrontare le questioni più delicate con la sapienza del cuore e della mente. Le suddette suore affermavano, dei doni che aveva, soprattutto nel sacramento della confessione, dove nello scrutare i cuori e le coscienze, sapeva donare forza e fiducia per andare avanti e quando qualcuno era in agonia non lo lasciava mai, pregando con fervore, preparandolo all'incontro con il Signore, ripetendo sempre alle suore “Siate come San Vincenzo, le piccole serve dei poveri, servite Gesù nei poveri. Meditate le parole di S. Vincenzo…”.
Concludo questi miei ricordi che, pur allontanandosi nello spazio dei giorni e del tempo, sono autenticamente vivi nel mio cuore ancora più, sotto la santità del giuramento sul Santo Vangelo, dinanzi al tribunale del misericordioso e benedetto Signore, con le parole lette sul manuale di morale che il canonico penitenziere Don Paolo Aiello teneva nell'armadietto del Duomo: “Fa, o Signore, che nel mio servizio di penitenziere emuli sempre più le virtù del mio venerato predecessore P. Caruso” e la bella espressione che il parroco di San Biagio Don Antonio Cosentino, che mi battezzò ed ebbe la gioia di impormi le mani nel giorno della mia ordinazione; mi disse, baciandomi le mani, fresche del sacro crisma: “Sii buono, umile, caritatevole, eucaristicamente pio, con pensieri adoratori di Gesù solo”, come diceva e inculcava ai sacerdoti Don Caruso.
Con la fervida preghiera al sommo ed eterno Sacerdote di vedere Don Caruso con l'aureola dei santi. Allora la Chiesa, arricchita della varietà dei doni dei suoi figli, potrà apparire come “una Sposa adornata per il suo Sposo” e per padre Caruso un riconoscimento della forza dei puri di cuore, di coloro, cioè, del quale Gesù ha detto che sono “beati … perché vedranno Dio”.                          
   Sac. Andrea Perrelli
 Catanzaro, 10.03.2012.